English 

 Rocco Cavalluzzi si diploma in canto con il massimo dei voti presso il Conservatorio di musica di Campobasso.

 

Nel 2014 frequenta l'Accademia del Belcanto "Rodolfo Celletti" di Martina Franca, vincendo il premio come “miglior talento”. Si Diploma nel 2018 presso l'Accademia del Teatro alla Scala di Milano, dove ha ottenuto la prestigiosa borsa di studio dedicata al grande basso Paolo Montarsolo.

 

Come vincitore del prestigioso concorso “Toti Dal Monte” di Treviso, ha aperto la stagione 2017/18 con il ruolo di Raimondo in Lucia di Lammermoor di Donizetti presso il Teatro Comunale di Treviso e con ripresa a Ferrara in primavera con la direzione di S. Alapont e la regia di F. Bellotto. Alla Scala di Milano si esibisce regolarmente nella produzione per le scuole de Il Barbiere di Siviglia di Rossini, L’elisir d’Amore e in diversi concerti . 

 

Tra gli impegni più recenti vi sono i debutti presso il Teatro alla Scala di Milano e il Teatro Carlo Felice di Genova, rispettivamente nei panni di Ourskan nell’ Alì Babà e i 40 ladroni di Cherubini (direzione di P. Carignani e regia di L. Cavani) e di Don Alfonso nel Così fan tutte di W. A. Mozart (direzione di J. Webb e regia di E. Scola, ripresa da M. Scola Di Mambro).

 

Dopo aver cantato lo Stabat Mater di G. Rossini con l’Orchestra del Veneto e Friuli, si esibisce sulle scene londinesi con un concerto da camera presso la prestigiosa Wigmore Hall accompagnato al pianoforte dal M. Vincent Scalera.

 

Nel 2016 ha interpretato il ruolo di Pancrazio ne Le nozze in sogno, opera di Cesti riscoperta in tempi moderni da Alan Curtis e messa in scena al Festival di musica antica di Innsbruck e al Mozarteum di Salisburgo con la direzione di E. Onofri e la regia di A. Pizzech. Nello stesso anno canta in Rigoletto il ruolo di Monterone al Teatro Verdi di Busseto con la direzione di F. Cassi e la regia di A. Pizzech e quello di Sparafucile presso la Fortezza di Priamar a Savona con la direzione di S. Romani e la regia di F. Bertolani. È impegnato inoltre nel ruolo di Conte ne La Nina pazza per amore al Festival Paisiello di Taranto e all'Opera Giocosa di Savona con la direzione di G. Di Stefano e la regia di S. Panighini e nel ruolo di Snug in A Midsummer Night's Dream di B. Britten nei teatri di Cremona, Brescia, Como, Pavia e Reggio Emilia. 

 

Tra gli altri titoli debuttati Rocco Cavalluzzi annovera: Il viaggio a Reims (Don Prudenzio, direzione di M. Beltrami e regia di G. Solari) al Teatro Coccia di Novara; La Bohème (Colline, direzione di M. Barbacini ), Nabucco (Sacerdote di Belo, direzione di R. Böer e regia di J. F. Lee), Tosca (Sciarrone/carceriere, direzione di G. Bisanti e regia di G. Agostinucci),La Traviata (Dottor Grenvil, direzione di D. Rustioni e regia di F. Özpetek) e Rigoletto (Conte di Ceprano, direzione di C. Rizzari e regia di D. Krief)  al Teatro Petruzzelli di Bari; Carmen (Zuniga) al Teatro Savoia di Campobasso; Requiem di Mozart con l'Orchestra della Magna Grecia presso la Cattedrale di Taranto; Un Ballo in maschera (Tom) in Lombardia; Le nozze di Figaro (Figaro) al teatro U. Giordano di Foggia. 

 

Nel 2014 come vincitore del “Concurso de canto Opera de Tenerife”, Rocco Cavalluzzi ha partecipato all'Opera Estudio, debuttando come Alidoro ne La Cenerentola di Rossini presso l'Auditorio de Tenerife "Adàn Martìn", ruolo che ha poi ripetuto al Teatro Sociale di Rovigo con la direzione di G. Di Stefano e la regia di F. Esposito, e in forma ridotta per bambini presso Il Teatro alla Scala di Milano. Nello stesso anno ha cantato al Festival della Valle D'Itria come Mago ne La Donna Serpente di Casella con la direzione di Fabio Luisi e la regia di Arturo Cirillo e come Noè in Noye's Fludde di Britten con la direzione di Ettore Papadia. Il Festival lo ha invitato nuovamente nel 2015 per interpretare il ruolo di Roberto in Don Checco di N. De Giosa, con la direzione di M. Beltrami e la regia di L. Amato.

 

 

Nel 2018 debutta al Teatro San Carlo di Napoli per la ripresa di Don Checco con la regia di L. Amato e interpreta Lord Sidney nel Viaggio a Reims di G. Rossini presso l’Auditorio de Tenerife.

 

 

Download PDF : 

bio Italiano           bio English